La speranza di vita degli animali da compagnia è aumentata significativamente grazie ai progressi nella medicina geriatrica veterinaria, ad una alimentazione più corretta e al miglioramento delle condizioni igieniche.

Invecchiando, viene meno l’efficienza dei diversi organi e si riduce la capacità dell’organismo di adattarsi alle aggressioni dei fattori esterni e di mantenere in equilibrio il metabolismo , sarà quindi necessario, ad un dato momento della vita del nostro animale, fare un bilancio della salute e controllare l’efficienza delle diverse funzioni organiche.

Quando un cane od un gatto è da considerare anziano ?
Definire l’età dell’inizio della vecchiaia non è facile, esistono infatti differenze legate alla razza, alla taglia, all’alimentazione, alle condizioni di vita, ecc….

American Animal Hospital Association

Cane di piccola taglia – peso: 0-9 Kg – età avanzata: 11,48 +/- 1,86
Cani taglia media  – peso: 10- 22 Kg – età avanzata:10,19 +/- 1,56
Cani di grossa taglia  – peso: 23-40 Kg – età avanzata: 8,85 +/- 1,38
Cani di taglia gigante  – peso: + di 40 Kg – età avanzata: 7,46 +/- 1,27
Gatti – età avanzata: 11,88 +/- 1,94

Quando e ogni quanto eseguire un check-up?
I controlli medici volti a minimizzare le conseguenze dell’invecchiamento devono incominciare all’inizio della seconda metà della vita del nostro animale. Si deve trattare infatti di medicina preventiva i cui scopi sono:
– la diagnosi precoce delle malattie, ad uno stadio in cui sono curabili e le conseguenze possono essere limitate
– l’instaurare misure specifiche per evitare l’insorgere o l’aggravarsi delle malattie più frequenti nel paziente geriatrico.

Proprio per questo se avete un gatto o un cane non più giovanissimo è opportuno iniziare a programmare insieme al vostro veterinario di fiducia un calendario di check-up, inizialmente almeno una volta all’anno e poi per i più anziani ogni sei mesi.

In funzione del singolo caso (condizioni mediche, storia clinica, stile di vita) il medico veterinario vi proporrà l’esecuzione di visite specialistiche e/o accertamenti diagnostici quali esami del sangue (emocromo, pannello ematochimico, emogas), radiografie, ecografia addominale, ecocardiografia, ecc.

Problemi di maggior riscontro negli animali anziani
Patologie cardiache
Obesità, sovrappeso
Neoplasie
Patologie dei denti e del cavo orale
Patologie di fegato, reni e vie urinarie
Patologie scheletriche e delle articolazioni
Patologie oculari
Squilibri ormonali
Patologie dell’apparato genitale
Disturbi comportamentali