Ortopedia, chirurgia protesica

La TPLO è il migliore approccio chirurgico ai problemi legati al legamento crociato. È una tecnica che consente all’articolazione del ginocchio una maggiore stabilità e un maggiore appoggio all’arto già poco tempo dopo l’intervento.
Quando il legamento crociato si usura, il cane non è in grado di sostenere completamente il carico durante l’appoggio, determinando dolore. TPLO significa “osteotomia livellante del piatto tibiale” ed è un intervento chirurgico che modifica la biomeccanica del ginocchio per eliminare il dolore e l’instabilità causati dall’usura e rottura parziale/completa del legamento crociato craniale.
La displasia dell’anca è uno sviluppo anomalo dell'articolazione dell'anca che porta gradualmente la testa del femore a uscire dalla cavità acetabolare nella quale dovrebbe essere inserito.
È possibile adottare varie procedure chirurgiche per trattare la displasia in base all’età del paziente e alla gravità della displasia. Una diagnosi precoce al quarto mese (o meno) di età permette, tramite una tecnica chirurgica, di modificare parzialmente la crescita del bacino consentendo, con lo sviluppo, una maggiore copertura della testa del femore e la ventroflessione dell’acetabolo. Nei cuccioli a cui viene diagnosticata una displasia di anca lieve tra il quinto e l’ottavo mese di vita, è possibile eseguire un’osteotomia pelvica, tecnica chirurgica che ripristina in parte la congruenza articolare. Per i cuccioli dagli otto mesi di vita e per gli adulti affetti da displasia d’anca con sintomatologia dolorifica, la protesi totale d’anca consente una ricostruzione completa dell’articolazione. Questa è la tecnica chirurgica elettiva: la maggior parte dei pazienti è in grado di riprendere un’attività fisica pressoché completa.
I primi segni di displasia possono comparire già a 3-4 mesi di vita. La sintomatologia è subdola, variabile e talvolta difficile da riconoscere: il cucciolo può risultare semplicemente stanco, fatica ad alzarsi, a fare le scale, dopo aver giocato con altri cani può sedersi e apparire pigro. Tutti sintomi che se non presi in considerazione possono peggiorare con la crescita, compromettendo la qualità di vita dell’animale.